Gen
27
2014

LU ME' UDDHASTRU

Scritto da Salvatore
PDFStampaE-mail

LU ME' UDDHASTRU

"Cun saggiudu de su vocabolariu Gadduresu"

Freqquesti la menti mea torra

a chi, in chistu campu fioritu

pinsendi all'umbra

di chiss'uddastru casali

frunitu di frondi 'eldi aglintati

intibbiati da li ragghi di lu soli

e pudarosi di profumi ed'ammenti.

Pensu e mi pasu a ripusammi

all'umbra di la me' pianta

e la m menti torra indaretu

a candu era criatura

pinsendi a li ciurrati palduti

candu lu branu si tinghia

di culori e d'armonia,

naspatu, sonniendi disici suai

chi sfriscionosi mi bolani cu l'anni.

E abali...

solamenti lu m rimpiantu

e avveltu ancora lu siguciu

chi mutru m'esci da lu cori.

Chissu mossu di tarra

aia la t boci, lu bulbuttu

di lu 'entu e lu tripittu

di li m passi allalgu,

l'ammenti passati;

lu tempu no scancella

l'impietai di chissa trista

e dulurosa partenzia

ch'intengu dugna d

cu lu svintul di li to frondi.

Caru uddhastru di li m anni 'eldi.