Giu
08
2011

SARDO SPAGNOLO ITALIANO

Scritto da Salvatore
PDFStampaE-mail

 

Più per curiosità che per altro ho voluto cimentarmi nella compilazione di questo dizionarietto relativo alle parole di chiara origine spagnola che hanno largo uso in Sardegna. Non avendo studiato la lingua spagnola ne quella sarda, mi sono affidato ai ricordi e all.’apprendimento diretto delle due lingue.

Il dominio spagnolo ebbe inizio subito dopo che Giacomo II d’Aragona ricevette da Papa Bonifacio VIII l’investitura sull’isola, e nel 1326 gli aragonesi se ne impadronirono del tutto. Ferdinando il Cattolico cercò in tutti i modi di ispanizzare l’isola che però conobbe un periodo di grande decadenza. Inefficaci furono anche i provvedimenti di Filippo II per favorire lo sviluppo agrario. Subito dopo la guerra di successione spagnola nel 1713 la Sardegna passò sotto il breve dominio austriaco.

C’è da prendere in considerazione che parecchie di queste parole spesso vanno assimilate per assonanza e per significato come per esempio: “ Quieto pron. Sp. chieto - Sardo, chietu - Italiano, calmo” – Guia, pron. Sp. ghia, pron. Sarda ghia, italiano guida” ect..

Volutamente sono state omesse tutte quelle parole che pur facendo parte dell’idioma sia sardo che spagnolo, sono di facilissima comprensione in quanto similari alla lingua italiana. Esempio: Fusil, fusile, fucile - Antiguo, antigu, antico ect.”

Considerando il lungo periodo di dominio,486 anni, la Spagna non ha lasciato grandi tracce nella nostra isola ad eccezione di qualche fortino, postazioni di carattere difensivo e qualche sporadica abitazione che ancora resiste, forse l’unico patrimonio sono queste duecento e più parole. Sicuramente in tanti luoghi della Sardegna, “ A parte Alghero, che fa storia a sé” esistono altre parole a me sconosciute specialmente nella parlata campidanese e nelle varianti della lingua logudorese. Pertanto mi sono limitato ad enunciare quelle parole che mi sono familiari e che spesso sono state usate da me in qualche scritto.

 

 

Nota bene:

 

Per quanto riguarda la pronuncia in lingua spagnola è bene ricordare che:

 

Il gruppo “ll” si pronuncia - gl – come giglio.

La cediglia sopra la “n” si pronuncia – gn – come Sardegna.

Il gruppo “ch” si pronuncia – cio . cia – ce – ect.

Il gruppo “que” si pronuncia -che .

 

Salvatore Sini