Gen
24
2011

QUALCHE REGOLA PER UN BUON COMPONIMENTO POETICO

Scritto da Salvatore
PDFStampaE-mail

 

CLIMAX:

 

Disposizione di parole in ordine crescente nell’esprimere un concetto. ( E pioggia e neve e gelo) .Parini.

 

PARANOMASIA.

 

Accostamento in un breve spazio sintattico di due o più parole, ma con un significato diverso ( ch’i’ fui per ritornar più volte volto – Dante)

 

 

ANACOLUTO

 

Frase pienamente comprensibile ma il cui impianto sintattico è privo di coerenza logica o grammaticale. Tecnica molto usata anche nel linguaggio comune. ( Quelli che muoiono, bisogna pregar Iddio per loro. Manzoni).

 

 

STRUMENTI PER I VERSI

 

 

Verso:

 

Sequenza di parole regolata da norme stilistiche e metriche. Può essere. sdrucciolo, piano o tronco a seconda di dove cade l’accento finale ( terz’ultima, penultima o ultima sillaba. Il numero di sillabe varia da due a sedici, il più usato è l’endecasillabo. ( Undici sillabe).

 

 

Piede:

 

Nel verso classico, il piede è una serie di sillabe “lunghe” o “brevi” a seconda dell’accento: c’è il tracheo, il dattilo, il giambo ect.. Per esempio, il dattilo è un piede di quattro tempi formato da una sillaba lunga e due brevi.

 

 

Strofa:

 

Insieme di versi raggruppati secondo uno schema. Con due versi si ha un distico, con tre versi la terzina, ect. fino alla stanza (canzone) e al verso libero, quando la quantità varia. Nella poesia latina, frequente è il distico elegiaco composto da un esametro e da un pentametro.

 

 

Accento:

 

Aumento dell’intensità sonora su una sillaba del verso.

 

 

Il ritmo:

 

E’ la cadenza musicale del verso, che viene data dal numero delle sillabe e degli accenti ritmici ( Lento, veloce, moderato ect.)

 

 

Rima:

 

L’identità del suono, in due o più parole dall’ultimo accento in poi. Le forme più comuni sono:

Baciata = AA-BB-CC-DD.

Incatenata= ABBA.

Alternata= ABAB.

Replicata= ABC-ABC-ABC.

Esempio di rima baciata ( questo vento è forte/ questo sogno è morte, Ungaretti)

 

Esistono altri tipi di rima, in special modo nei componimenti di poesia in lingua Sarda.

Es. In una quartina a rime alterne, ABAB, la quarta rima viene ripresa nella prima rima della quartina successiva. (Metodo spesso usato dal sottoscritto).